Ricetto San Mauro | Almese

Il primo documento riguardante il ricetto di San Mauro, collocato nella frazione Rivera di Almese, risale al 1029, anno in cui il Marchese di Torino Olderico Manfredi dona un terzo dei suoi possedimenti valsusini all’Abbazia di S.Giusto in Susa, inclusa la “curtis” di San Mauro. Tra il 1281 e il 1285 la curtis viene trasformata in borgo fortificato mentre il campanile diventa la torre che ancor oggi vediamo. La chiesa assume le funzioni di magazzino di derrate alimentari, sede di tribunale e archivio dei monaci mentre, dalla seconda metà del secolo XIII, viene adibita a semplice residenza agricola. La torre e il ricetto sono stati oggetto di un intervento di restauro e ristrutturazione a cura del Comune, completato alla fine del 2006, e sono diventati uno spazio espositivo e sede di eventi turistico - culturali.

Contatti:

Telefono: +39 0119350201
Email:    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Dove si trova:

Vicolo San Mauro - 10040 Almese

La Castiglia | Saluzzo

Fin dalla costruzione la Castiglia rappresenta l’espressione più alta del ruolo di insigne capitale che Saluzzo ricoprì per quattro secoli. Dopo un lungo restauro i suoi ampi locali ospiteranno l’archivio storico, spazi museali, aree destinate alla ristorazione d’eccellenza ed eventi di promozione culturale e turistica.

Contatti:

Telefono: +39 0175240006
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 

Dove si trova:

Piazza Castello - 12037 Saluzzo

Forte di Gavi | Gavi

L’imponente costruzione fortificata venne eretta dai genovesi tra il XVI e il XVII secolo. Il forte conserva, dell’originaria struttura, una torre del ’400.

Contatti:

Telefono: +39 0143643554
Email:    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 

Dove si trova:

Via al Forte, 14 - 15066 Gavi

Forte di Fenestrelle | Fenestrelle

Il forte di Fenestrelle è la più grande struttura fortificata d’Europa e la più estesa costruzione in muratura dopo la Muraglia cinese. Un gigante di pietra che si estende per circa cinque chilometri nella valle del Chisone e copre un dislivello di quasi 700 metri. La struttura comprende: tre Forti, tre Ridotte e due Batterie, collegate da una scala coperta di 4.000 gradini.

Contatti:

Telefono: +39 012183600
Email:    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 

Dove si trova:

Via del Forte, 1 - 10060 Fenestrelle

Forte di Exilles | Exilles

Il Forte di Exilles è un tipico esempio dell’architettura fortificata francese e sabauda, è in primo luogo museo di se stesso. Un suggestivo percorso con proiezioni, suoni e luci alla scoperta della storia del Forte e della vita del soldato in montagna.

Contatti:

Telefono: +39 012258270
Email:    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 

Dove si trova:

Località Forte di Exilles - 10050 Exilles

Forte di Bramafam | Bardonecchia

È la più importante fortificazione delle Alpi Cozie di fine ‘800. Sui 64.000 mq si snoda un itinerario di visita con la fedele ricostruzione di 20 diversi ambienti del forte, armi, cannoni e memorie provenienti da fortificazioni dell’arco alpino.

Contatti:

Telefono: +39 3392227228
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 

Dove si trova:

Strada Nazionale al Castello - 10052 Bardonecchia

Forte Albertino | Vinadio

Splendido esempio di architettura militare dell’arco alpino, il forte si sviluppa longitudinalmente in 1.200 metri e su tre livelli con circa 10 chilometri di percorsi interni.

Contatti:

Telefono: +39 0171959151
Email:    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 

Dove si trova:

Piazza Vittorio Veneto - 12010 Vinadio

Casa Zuccala | Marentino

Caratteristica “vigna” della Collina Torinese, la Casa fu abitata dai primi del Cinquecento dalla famiglia Zuccala, notai e banchieri originari del Bergamasco. A metà del XX secolo rimase abbandonata andando incontro ad un progressivo degrado fino a che, nel 1993, gli attuali proprietari iniziarono l’opera di restauro e di recupero. Nel 2001 venne istituita l’Associazione Culturale “Casa Zuccala” che dal 2010 provvede all’apertura al pubblico della Casa e del suo giardino: 5.000 mq. con una collezione di oltre 700 piante aromatiche che comprendono, oltre agli aromi per la cucina, le essenze interessanti la cosmesi e l’industria di profumi e liquori.

Contatti:

Telefono: +39 0119435343
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 

Dove si trova:

VIA PROFONDA - 10020 Marentino

Castello Malgrà | Rivarolo

Costruito dai Conti San Martino, subì ampliamenti nei sec. XV, XVI e XVIII, diventando dimora signorile con annesso parco; alla fine del XIX sec. venne ristrutturato su progetto degli architetti Alfredo D’Andrade e Carlo Nigra. Attraverso il ponte levatoio si accede all’interno, dove si ammirano la torre merlata e, nel portichetto, affreschi datati 1440.

Contatti:

Telefono: +39 012426725
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 

Dove si trova:

Via Maurizio Farina, 57 - 10086 Rivarolo Canavese

Castello di Avigliana | Avigliana

Le pendici settentrionali del monte Pezzulano sono dominate dai ruderi del castello sabaudo. Il suo impianto originario risale però al periodo di Arduino il Glabrione, marchese di Torino, che fece costruire il castello a seguito della sconfitta dei saraceni che imperversavano nella valle di Susa. La discendenza sabauda non infeudò mai la fortificazione ma fu consolidata quale residenza per il controllo maggiore sui territori che si aprivano verso Torino. Dopo il 1418 il castello fu abbandonato quale residenza e rimase come avamposto fortificato all’imbocco della valle. Fu più volte distrutto dagli eserciti francesi fino al generale Catinat, che nel 1691 lo demolì completamente. Rimane oggi l’impianto delle mura esterne ellittiche, qualche camminamento delle torri di guardia e alcune camere interrate con volte a botte. La risorsa è a cielo aperto ed è sempre visitabile. Le visite guidate, a pagamento, sono possibili previa prenotazione.

Contatti:

Telefono: +39 0119769132
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 

Dove si trova:

Piazza Conte Rosso, 7 - 10051 Avigliana

Castello di Valperga | Valperga

Fondato nel X sec. dai Valperga, è un vasto complesso di costruzioni risalenti a epoche diverse e circondato da un parco. Agli edifici medioevali si aggiunsero abbellimenti di gusto barocco e, in epoca più recente, una villa neoclassica.

Contatti:

Telefono: +39 0124617132
Web: 
Email:    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 

Dove si trova:

Via Cesar Battisti, 19 - 10087 Valperga

Castello di Serralunga d'Alba | Serralunga d'Alba

Il castello di Serralunga d’Alba è da molti oggi considerato uno degli esempi meglio conservati di castello nobiliare trecentesco del Piemonte. Collocato a sommità della collina di Serralunga, a dominio del caratteristico borgo e delle sue famose vigne, in uno dei comprensori turistici più interessanti e di maggior sviluppo della regione, il castello è simbolo indelebile di questo paesaggio.

Contatti:

Telefono: +39 0173613358
Email:    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 

Dove si trova:

Viale Castello, 1 - 12050 Serralunga d'Alba

Castello di Rivara

E’ un complesso costituito da due edifici, realizzati fra il XII e il XIV sec. e trasformati nell’Ottocento: il Castello Vecchio conserva molte tracce della sua origine medioevale, mentre il Castello Nuovo ha assunto un aspetto barocco. Oggi è sede di un Centro d’Arte Contemporanea.

Contatti:

Telefono: +39 012431122
Email:    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 

Dove si trova:

Piazza Sillano 2 - 10080 Rivara

Castello di Pralormo | Pralormo

Il parco ospita l’antica dimora tuttora residenza dei proprietari originari. Il castello offre un itinerario attraverso cantine, dispense, cucine, porcellane, argenti, salotti e saloni. Ogni primavera il parco ospita la manifestazione Messer Tulipano con la fi oritura di oltre 75.000 tulipani e mostre a tema.

Contatti:

Telefono: +39 011884870-8140981
Email:    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 

Dove si trova:

Via Umberto I, 26 - 10040 Pralormo

Castello di Parella | Parella

Il restauro del castello di Parella, acquisito da Manital nel giugno 2011, è parte fondamentale di un progetto imprenditoriale che ha radici profonde nella forte volontà di valorizzare, arricchire e far conoscere un territorio, ricco di tradizioni e di bellezze naturali. In questo contesto il castello di Parella si pone come il perno fondamentale su cui impostare un progetto di riqualificazione più ampio, non solo dell’edificio stesso con il suo parco e la sua vigna storica, ma anche dell’area adiacente il castello sui cui sorgeva lo storico Vivaio impiantato negli anni ‘50 da Adriano Olivetti, che già allora aveva intuito l’importanza di una offerta di lavoro varia e differenziata sul territorio.

Contatti:

Telefono: +39 3487085661
Email:    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 

Dove si trova:

Via Carandini 40 - 10010 Parella (TO)

 

Castello di Montalto Dora | Montalto Dora

Antica fortezza del Canavese, restituita alla storia grazie a lungo ed attento restauro, invita ad un percorso a ritroso nel tempo, tra presenze medievali e suggestioni gotiche. Il Castello di Montalto Dora si presenta come una fortezza arroccata sul Monte Crovero con vista sul Parco dei Cinque Laghi di Ivrea in un ambiente di altissimo interesse geologico e naturalistico. Il parco annesso al Castello presenta infatti alcune specie tipiche della flora pedemontana ed essenze arboree quali la quercia, il frassino comune, il castagno ed i ciliegi selvatici.

Contatti:

Telefono: +39 0125650037
Web: 
Email:    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 

Dove si trova:

Regione Castello - 10016 Montalto Dora

Castello Miradolo | San Secondo di Pinerolo

Il Castello, già menzionato in documenti del XVII e XVIII secolo e ristrutturato nel 1866 secondo un gusto neogotico, è oggi sede di mostre temporanee, concerti, spettacoli, attività didattiche e formative.

Contatti:

Telefono: +39 0121502761
Email:    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 

Dove si trova:

Via Cardonata 2 - 10060 San Secondo di Pinerolo

Castello di Mazzè | Mazzè

Il castello, sorto sui resti di un antico fortilizio romano, ha subito nei secoli modifiche e integrazioni, le più rilevanti delle quali sono state effettuate nell’Ottocento dall’architetto. Tre i percorsi: Castello Grande, Museo Sotterraneo della Tortura, Oasi del Bosco Parco.

Contatti:

Telefono: +39 0119830765
Email:    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 

Dove si trova:

Via Castello, 10 - 10035 Mazzè

Castello di Masino | Caravino

Il Castello di Masino, per secoli residenza dei conti Valperga, è circondato da un parco che domina la pianura del Canavese. Il percorso di visita comprende: i saloni affrescati, i salotti e la collezione di carrozze del XVIII e XIX secolo.

Contatti:

Telefono: +39 0125778100
Email:    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 

Dove si trova:

Via al Castello, 1 - 10010 Caravino

Castello di Macello | Macello

Con la sua struttura tipicamente medioevale emerge dal verde di un magnifico parco secolare racchiuso nelle antiche mura. Costruito nel ’300 da Filippo di Savoia-Acaja come fortilizio difensivo, passa nel 1396 a Filippo Solaro, che diventa conte di Macello e trasmette il feudo alla sua discendenza. Il castello si rivela col suo torrione quadrato e quattro torrette minori. Oltre le tracce dell’antico fossato e del ponte levatoio si accede alla corte e alle sale interne, dove ammirare pregevoli decorazioni in cotto e soffitti affrescati. Da notare la presenza della “Collezione gioco e giocattolo povero”, delle cantine in cui viene stagionata la Toma Piemontese DOP e di ben sei meridiane, di cui due assai curiose: segnano infatti "fusi orari" diversi.

Contatti:

Telefono: +39 0121340591
Web: 
Email:    
 

Dove si trova:

VIA CASTELLO, 9 - 10060 Macello